NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

RECORDING

Parliamoci chiaro, subito.
In un mondo e un'epoca dove la registrazione è diventata oggetto decisamente alla portata di tutti, voglio ritornare al concetto che il musicista ed il suo team siano i primi, nonché fondamentali, punti di partenza per la riuscita di ogni produzione musicale, singolo o album che sia. Il compito di un bravo session man e musicista, in studio di registrazione, è quello di creare il sound giusto per il contesto in cui esso dovrà essere inserito.
Per arrivare a questo risultato serve la giusta sorgente, le giuste scelte sonore e, spesso, è necessario saper stare al proprio posto.
Tutto il resto è decisamente relativo e opinabile, e viene dopo.

Nel mio piccolo studio di registrazione, 50mq divisi in regia (20mq) e sala ripresa (30mq), diventato ormai (e per la gioia della mia compagna Silvia) mia seconda casa, non ho attrezzature da capogiro o tutte quelle cose piene di lucine che ti fanno dire “oooooh” appena entri ma, semplicemente e in questi anni di esperienza, ho selezionato quelli che a mio avviso sono i giusti elementi per registrare agli standard richiesti da studi, etichette e produttori indipendenti e, in primis, ho la fortuna di lavorare ed avere a disposizione tanti, tanti bravi e giovani musicisti grazie alla famiglia Positive Ground Music .

Senza i giusti musicisti potete anche avere a disposizione gli Ocean Way (sicuramente potrete così postare su instagram la foto di voi seduti con accanto al banco da 784231,8 canali, che vi garantirà innumerevoli like)...però.....a me piace vedere le cose da un altro punto di vista.

Qual'è il pro di poter lavorare nel mio piccolo spazio, sia in modalità “remote-session”, o non?

  1. Conosco i limiti e le caratteristiche sonore della mia stanza di ripresa e, soprattutto, degli strumenti che utilizzo.
  2. Ho modo di poter fare diversi test, utilizzando diversi strumenti, provando diverse accordature e prendendosi il tempo necessario senza l'ansia di dover guardare l'orologio ed il conta-ore cosa che, normalmente e se prenotate un normale studio di registrazione, non sempre è possibile fare (a meno che non abbiate un grande budget)
  3. Se ho fatto una take cosiddetta “demmerda”, posso urlare liberamente.

A seconda di ciò che desideri, sarà mia premura preoccuparmi di farti ricevere quello che serve per portare la tua produzione al livello successivo.

Ecco l'esempio di un brano interamente prodotto, registrato e mixato nel mio studio

GEAR LIST

Ascolti : B&W 805 Nautilus
Scheda Audio e Conversione : Apogee
Daw : Logic Pro X
Computer : Apple Mac Mini Late 2015, quad core, 16gb Ram

Microfoni :
  • Akg 414 XLS
  • Beyerdynamic M69N (Vintage)
  • Lauten Audio LA 120 Fet Condenser (2x)
  • Akg SE300b-Ck91
  • Shure Sm Model 77 (Vintage)
  • Shure Sm 57 Unidyne III (Vintage)
  • Shure Sm 57
  • Shure Sm 58 (2x)
  • No Hype Audio LRM-1 (Ribbon)
  • Sennheiser Md 441U (Vintage)
  • Sennheiser Md 422 U Black (Vintage)
  • Audix D6
  • Electro Voice RE 20
PREAMP :
  • 4 x Telefunken TAB V372/1 (Vintage)
  • 4 x Apogee Ensemble (Onboard Preamp)
  • Focusrite Octopre Platinum
EQ :
  • 2 x Lawo W995/3 (vintage eq)
Compressor :
  • FMR Audio RNC 1773 (stereo/mono compressor)